Traduttore

Intervista su Astrella

p032_0_00_1

La prima volta che ho sperimentato un bagno di gong ho avuto una sensazione di paura, come se attraverso quel suono così profondo un’onda gigantesca mi stesse travolgendo… Poi ho capito che contrastare questo flusso di sonorità non faceva che aumentare il mio disagio, che era meglio – invece – lasciarmi andare senza barriere all’energia che la vibrazione del gong mi comunicava. E’ a questo punto che mi sono sentito proiettato in una sorta di viaggio cosmico, attraverso uno stato di sonno cosciente che mi ha portato a visualizzare galassie e vortici di luce”. Descrive così il suo battesimo del gong Massimo Piazza, che dopo un quarto di secolo passato ad occuparsi di comunicazione pubblicitaria, ha deciso di dare una svolta radicale alla sua vita, tanto che oggi è gong master ed esperto di tecniche energetiche e olistiche, come la riflessologia plantare, il massaggio antistress e il reiki. Dalla sua casa nella ridente campagna che circonda Celleno, in provincia di Viterbo, Piazza ci introduce nell’affascinante mondo del gong, forse lo strumento musicale più antico in assoluto, visto che la sua scoperta risale addirittura a 6000 anni fa, dove pare fosse utilizzato dagli sciamani dell’Età del Bronzo durante le iniziazioni spirituali.

p032_0_00_2p031_1_03


Qua! è il potere del gong, e come sta arrivando a diffondersi dall’Oriente anche nel nostro mondo occidentale?

Il gong ci riporta al suono primigenio, l’OM: l’inizio di ogni cosa secondo la cultura indiana. Viene chiamato anche “macchina del potere guaritore” poiché il suo suono olistico genera una vibrazione energetica che diventa un superconduttore su ogni cellula del corpo di chi io ascolta, inducendo esperienze spirituali profonde e contribuendo a sciogliere blocchi psicofisici nel nostro inconscio. Si ritiene che questo strumento sia nato in Mesopotamia nel 3500 a. C., per poi vivere la sua massima espressione nell’India del Gautama Buddha, che inviò i suoi discepoli a diffonderne la pratica in molti paesi orientali. All’epoca di Confucio sui gong vennero impressi i due simboli Tai Loi, che significano “la felicità è arrivata”e che esprimono chiaramente il valore importante che veniva dato a questo strumento e al suo suono rituale. Lei da chi è stato iniziato al gong? Faccio una premessa: il cambiamento spirituale più radicale nella mia vita lo devo a Pino Ferroni, che ha un’esperienza più che trentennale nella Bioenergetica e ha vissuto a lungo a contatto con una comunità di monaci taoisti. Per quanto concerne il gong in particolare, il maestro da cui sono stato iniziato si chiama Don Conreaux, è americano ed è considerato tra i più famosi gong master contemporanei. A sua volta, lui è stato iniziato da Yogi Bhajan, che è colui che ha portato a conoscenza del mondo occidentale le pratiche meditative del Kundalini Yoga, appannaggio per secoli dei Sikh indiani e originatesi direttamente dal loro fondatore Guru Nanak. Don mi ha parlato spesso delle sue esperienze di “viaggio astrale” fuori dal corpo, durante la pratica dei bagni di gong. Conreaux, tra l’altro, è l’ideatore del progetto internazionale dei Giardini delle Campane di Pace in numerose città del mondo: centri che hanno riconosciuto il potere benefico del suono di gong, conchiglie e campane tibetane.

Cosa s’intende esattamente per “bagno di gong”, e quali malesseri si possono contrastare affidandosi a questa pratica?

 

I bagni di gong prevedono un gong master (che è colui che suona la malletta sul gong), e gruppi di una (due, in caso di gong-therapy di coppia) o più persone distese in ambiente sereno e confortevole, l’ideale sarebbe su un prato, nel verde della natura. Durano circa un’ora, durante la quale il suono del gong può variare per ritmo e intensità e può essere accompagnato dalla recitazione di “mantra”, cioè canti con antiche formule sacre indiane. In coloro che ascoltano il suono abbandonandosi ad esso, senza contrastarlo col flusso dei pensieri, è stato dimostrato scientificamente che il gong fa sì che le onde cerebrali alfa, delta e theta – che normalmente hanno ritmi diversi tra di loro – si regolarizzino riequilibrando corpo, mente e spirito e aiutandoci in questo modo a combattere insonnia, paure, tensioni emotive. Per meglio armonizzare il potere vibrazionale del gong con ognuno, esistono “gong planetari” (ovvero corrispondenti ad ogni pianeta, alla luna e al sole) che contribuiscono ad armonizzare le nostre energie in base al pianeta dominante del nostro segno zodiacale.

Le prime volte che si sperimenta un bagno di gong si può avvertire una sensazione di disagio?

Ciò si può verificare se chi partecipa per la prima volta ad un “bagno di gong” è in un momento complicato della propria vita, poiché il suono di questo strumento ci mette di fronte ai nostri blocchi più profondi, ed è un’esperienza non sempre piacevole. Ma con il rilassamento e la pratica questo primo impatto difficile si attenua. Basta lasciarsi andare al suono e agli effetti che produce in noi. Una seduta di gong può portare anche a farci provare il cosiddetto “viaggio astrale”: in che cosa consiste quest’esperienza? E’ un’esperienza di tipo straordinario, a cui non tutti arrivano. Si tratta di un processo delicato per la nostra emotività: per questo è meglio essere in compagnia di un gong master esperto. Don Conreaux ha sperimentato diverse volte il viaggio astrale. Difficile descriverne le sensazioni a parole: immaginate che la coscienza si “veda ” al di fuori del proprio corpo, consapevole di esserlo. La prima fase di questo viaggio incomincia col nostro io non-corporeo che vaga per le stanze e gli spazi limitrofi a dove sta fisicamente il corpo. In fasi avanzate si può addirittura arrivare a contatto con la dimensione universale, quella particolarissima dimensione di cui parlano – ad esempio – Anne e Daniel/ Meurois Givaudan nel loro libro “Racconti di un viaggiatore astrale”.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, Migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi